Ho lasciato la mia anima al vento ❤️

-

È stato molto difficile e doloroso dirti del nonno, guardarti in faccia, vedere e sentire il dolore che le mie parole ti stavano dando, mi ha spaccato in due.

Ho preferito non parlarti della malattia, ma dirti che era molto vecchio e stanco, che ora è la nostra polvere di stelle magica e che ogni notte avrebbe brillato per noi, ma tu hai detto piangendo che non volevi la stella ma bensì il tuo nonno.

Mi hai chiesto cento volte se fosse vero, ed hai ceduto, hai creduto alle mie parole, ti sei rivolto al cielo e con le tue mani paffutelle lo ha chiamato per dirgli di venire nella mia pancia, per diventare un bimbo piccolo e crescere con te❤️.

Mio dolce Riccardo questo dolore è difficile da comprendere, elaborare pure per me. Capisco le tue lacrime, il tuo tormento, pure io sono destabilizzata e cerco lui ovunque.

Vorrei dirti un sacco di cose, ma quando ci provo le parole mi rimangono in gola…ancora troppa disperazione vive nel mio cuore, forse il tempo aiuterà entrambi ed entrambi ci aiuteremo a vicenda.

Ieri ho aperto il suo armadio, messo la testa in mezzo alle sue camicie appese, ed ho cercato il suo odore e per un attimo chiudendo gli occhi ho sentito le sue braccia strette strette attorno a me…

“Non potrai stringermi,                                         non potrai trattenermi,                                            ma se chiuderai gli occhi,                                        mi vedrai, mi sentirai”

Cit. “Ho lasciato la mia anima al vento”

Domani leggeremo assieme questo libro dove un nonno dice addio al suo amato nipotino e gli promette amore eterno e chiede solo una cosa in cambio, di continuare a sorridere alla vita, di vivere, e questo solo vorrebbe il tuo nonno, vedere quel meraviglioso sorriso che possiedi ❤️.

Ed ora papà mio, lascia tranquillamente la tua anima al vento, gioca con i nostri capelli e viaggia in posti stupendi ❤️.

 

 

 

 

1+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*